Reduce da un passato dimenticato, Didi canta da sempre le gesta della Ligera, la leggendaria malavita popolare di Milano. La Milano che non c'è più rivive nel personaggio di Didi Martinaz, cantante simbolo della Ligera, la mala milanese del dopoguerra. Testimonianza che rievoca un frammento della Milano passata, che l'ha vista regina dei locali dell'epoca fra cui il mitico Derby Club e, ultimamente, con "Milanoir, Milanuit" di Piero Colaprico. Così ritroviamo nelle sue canzoni il piccolo ragioniere che porta a battere la vecchia Maria con il motorino, il pittore di madonne vessato dal "ghisa", la casa di ringhiera abbattuta da ruspe "impazienti", la prostituta triste ne la "Ligera". Lei, Didi Martinaz, artista che è parte della storia di Milano, presta il proprio volto ai personaggi nati dalla sua creatività.

OLIVIA GOZZANO -
OLIVIA GOZZANO - Quand seri giuina e stavi in ludovica fu minga per vantam seri un belè. Andavi in sui bastiuna a fa la vita ma la mia vita lera un ruchetè. I volt che el me basava stu ligera el me streffava fin i pann che dos mi me sentivi e cu andà in scundera e me scurlivi tuta fin ai os e me scurlivi tuta pè stu ligera.

Quand seri giuina e stavi in ludovica fu minga per vantam seri un belè. Andavi in sui bastiuna a fa la vita ma la mia vita l'era un ruchetè.
I volt che el me basava stu ligera el me streffava fin i pann che dos mi me sentivi e cu andà in scundera e me scurlivi tuta fin ai os
e me scurlivi tuta pè stu ligera.

OLIVIA GOZZANO - Avù le giù stasira sura la gazeta de vun che lhan catà cunt i danè fa su cunt el comercio della streppa quel lì a lera propi el ruchetè. Quand seri guina e stavi in Ludovica stà insema a stu balurd se lera bel anca se dent per dent el me seurliva el me cunsciava tuta dun murel. Avù le giù stasira sura la gazeta de vun che lhan catà cunt i danè fa su cunt el comercio della streppa quel lì a lera propi el el ruchetè. Quand seri guina e stavi in Ludovica stà insema a stu balurd se lera bel anca se dent per dent el me seurliva el me cunsciava tuta dun murel.

Avù le giù stasira sura la gazeta de vun che l'han catà cunt i danè fa su cunt el comercio della streppa quel lì a l'era propi el ruchetè.
Quand seri guina e stavi in Ludovica stà insema a stu balurd se l'era bel anca se dent per dent el me seurliva el me cunsciava tuta d'un murel.
Avù le giù stasira sura la gazeta de vun che l'han catà cunt i danè fa su cunt el comercio della streppa quel lì a l'era propi el el ruchetè. Quand seri guina e stavi in Ludovica stà insema a stu balurd se l'era bel anca se dent per dent el me seurliva el me cunsciava tuta d'un murel.

OLIVIA GOZZANO - Poeu el me basava tener, e mi slinguiva Lu el me purtava semper i calset de seda de quei rigà de negher sul calcagn poeu el me sugavatuta la muneda pandala a gool insema ai so tusan Ma un dì che u fa in ment quand seri ciula e lu mandà de bott a quel paes ma da quel dì me sun sentida sula cumpagn di gandulitt in di seires E tut perchè sun senza el me ligera.

Poeu el me basava tener, e mi slinguiva Lu el me purtava semper i calset de seda de quei rigà de negher sul calcagn poeu el me sugavatuta la muneda p'andala a gool insema ai so tusan Ma un dì che u fa in ment quand seri ciula e lu mandà de bott a quel paes ma da quel dì me sun sentida sula cumpagn di gandulitt in di seires E tut perchè sun senza el me ligera.

OLIVIA GOZZANO - Tranquillità vuol dire non rinnegare un passato veramente vissuto anche se era sbagliato
Tranquillità vuol dire non rinnegare un passato veramente vissuto anche se era sbagliato
OLIVIA GOZZANO - Oggi mi va di scrivere ma non so cosa dire le idee sono farfalle che si fanno inseguire potrei parlare forse del senso dallegria che oggi stranamente mi tiene compagnia del non aver più voglia di piangere sui miti su vati deludenti su allori rinsecchiti del ridere ogni tanto con sana cattiveria pensando che alla fine non è una cosa seria Del sentirsi nessuno in mezzo a troppa gente e sentirsi qualcuno contemporaneamente.

Oggi mi va di scrivere ma non so cosa dire le idee sono farfalle che si fanno inseguire potrei parlare forse del senso d'allegria che oggi stranamente mi tiene compagnia del non aver più voglia di piangere sui miti su vati deludenti su allori rinsecchiti del ridere ogni tanto con sana cattiveria pensando che alla fine non è una cosa seria Del sentirsi nessuno in mezzo a troppa gente e sentirsi qualcuno contemporaneamente.

OLIVIA GOZZANO - Potrei parlare della mia intransigenza che ormai sempre più spesso diventa indifferenza e di quella bottiglia indubbiamente vuota che è lapoteosi di una serata idiota E di quella saggezza che freno con prudenza di qul pò di follia di cui non so star senza e poi dellattrazione che mi lascia stupita che continuo a sentire ancora per la vita.
Potrei parlare della mia intransigenza che ormai sempre più spesso diventa indifferenza e di quella bottiglia indubbiamente vuota che è l'apoteosi di una serata idiota E di quella saggezza che freno con prudenza di qul pò di follia di cui non so star senza e poi dell'attrazione che mi lascia stupita che continuo a sentire ancora per la vita.
OLIVIA GOZZANO - Ho preso una farfalla ho scritto una canzone forse potrei chiamarla non so non so Ho preso una farfalla ho scritto una canzone forse potrei chiamarla non so masturbazione! Aggiungi una didascalia Ho preso una farfalla ho scritto una canzone forse potrei chiamarla non so non so Ho preso una farfalla ho scritto una canzone forse potrei chiamarla non so masturbazione!

Ho preso una farfalla ho scritto una canzone forse potrei chiamarla non so non so Ho preso una farfalla ho scritto una canzone forse potrei chiamarla non so masturbazione! Aggiungi una didascalia Ho preso una farfalla ho scritto una canzone forse potrei chiamarla non so non so Ho preso una farfalla ho scritto una canzone forse potrei chiamarla non so masturbazione!

OLIVIA GOZZANO - Era un piccolo ragioniere quasi buono per la apensione con un grande sogno proibito diventare un nuovo Al Capone Si ma non sopportando il sangue non essendo lesto di mano gli restava una strada aperta iniziare come ruffiano lui andava col motorino un mosquito comprato a rate e la notte girovagava per le strade più malfamate lui andava col motorino e nei bar della malavita confidava me lo son fatto con la donna che fa la vita Ormai con la Maria non ci andava neppure un cane andava a ottantanni poteva dirsi la decana delle puttane Ma un sera con decisione lui le disse sarò il tuo uomo la Maria che era un poco sorda gli rispose Cè il lago a Como?
Era un piccolo ragioniere quasi buono per la apensione con un grande sogno proibito diventare un nuovo Al Capone Si ma non sopportando il sangue non essendo lesto di mano gli restava una strada aperta iniziare come ruffiano lui andava col motorino un mosquito comprato a rate e la notte girovagava per le strade più malfamate lui andava col motorino e nei bar della malavita confidava me lo son fatto con la donna che fa la vita Ormai con la Maria non ci andava neppure un cane andava a ottant'anni poteva dirsi la decana delle puttane Ma un sera con decisione lui le disse sarò il tuo uomo la Maria che era un poco sorda gli rispose "C'è il lago a Como?"
OLIVIA GOZZANO - Era un ras della mala occho torvo e la facci adura Che importav se i suoi colleghi qusi tutti avevan la Miura Che importava se la Maria non gli dava un bel accidente tanto più che della faccenda non aveva capito niente lui andava col motorino un mosquito comprato a rate e la notte girovagava per le strade più malfamate Lui andava col motorino e nei bar della malavita confidava me lo son fatto con la donna che fa la vita
Era un ras della mala occho torvo e la facci adura Che importav se i suoi colleghi qusi tutti avevan la Miura Che importava se la Maria non gli dava un bel accidente tanto più che della faccenda non aveva capito niente lui andava col motorino un mosquito comprato a rate e la notte girovagava per le strade più malfamate Lui andava col motorino e nei bar della malavita confidava me lo son fatto con la donna che fa la vita
OLIVIA GOZZANO - Una volta era quasi lalba capitò su per i bastioni mentre cera un pestaggio in corso fra i ruffiani di due fazioni senza starci a pensar due volte saltò subito in merzzo a quelli dopo un pò si trovaron tutti in via Fatebenefratelli Alle dieci della mattina la questura li ha rilasciati Han ripreso le fuoriserie le Ferrari e le Maserati solo un tale con il mosquito si prepara al trasferimento alla volta di S.Vittore arrestato per sfuttamento Lui andava col motorino un mosquito comprato a rate e la notte girovagava per le strde più malfamate Lui andava col motorino e nei bar della malavita confidava me lo son fatto con la donna che fa la vita...
Una volta era quasi l'alba capitò su per i bastioni mentre c'era un pestaggio in corso fra i ruffiani di due fazioni senza starci a pensar due volte saltò subito in merzzo a quelli dopo un pò si trovaron tutti in via Fatebenefratelli Alle dieci della mattina la questura li ha rilasciati Han ripreso le fuoriserie le Ferrari e le Maserati solo un tale con il mosquito si prepara al trasferimento alla volta di S.Vittore arrestato per sfuttamento Lui andava col motorino un mosquito comprato a rate e la notte girovagava per le strde più malfamate Lui andava col motorino e nei bar della malavita confidava me lo son fatto con la donna che fa la vita...
OLIVIA GOZZANO - Sto aspettando qualcuno ma non so chi..
Sto aspettando qualcuno ma non so chi..
OLIVIA GOZZANO - La mia cà de ringhera ti accoglieva ogni ora coi suoi mille rumori Ti tendeva le braccia e ti proteggieva dal mondo di fuori se bevevi o cantavi ridevi o piangevi pregavi o insultavi il naviglio scorreva un pò giallo e un pò nero senza darsi pensiero La mia cà de ringhera con un dio milanese e dei Cristi barboni concepiti per caso messi al mondo per sbaglio da Marie di bastioni In ciabatte di ferro grembiule di calce biancheria di mattoni Si vestiva da sera per ricever lamico che era stato in galera La mi cà de ringhera era lalba e la sera per più di una vita consumata in silenzio fra odore di nebbia e di verza bollita Ha sorriso con sfida al signore distinto che con tono annoiato annunciava che lì si doveva far posto ad un supermercato.
La mia cà de ringhera ti accoglieva ogni ora coi suoi mille rumori Ti tendeva le braccia e ti proteggieva dal mondo di fuori se bevevi o cantavi ridevi o piangevi pregavi o insultavi il naviglio scorreva un pò giallo e un pò nero senza darsi pensiero La mia cà de ringhera con un dio milanese e dei Cristi barboni concepiti per caso messi al mondo per sbaglio da Marie di bastioni In ciabatte di ferro grembiule di calce biancheria di mattoni Si vestiva da sera per ricever l'amico che era stato in galera La mi cà de ringhera era l'alba e la sera per più di una vita consumata in silenzio fra odore di nebbia e di verza bollita Ha sorriso con sfida al signore distinto che con tono annoiato annunciava che lì si doveva far posto ad un supermercato.
OLIVIA GOZZANO - Su di lei una mattina una ruspa impaziente si è sfogata con rabbia riducendola in breve in frantumi di sogno in ricordi di sabbia ammucchiate da parte contorte e spezzate le vecchie ringhiere Solamente il naviglio le ha offerto il suo pianto di lacrime nere.La mia cà de ringhera ti accoglieva ogni ora coi suoi mille rumori. Ti tendeva le braccia e ti proteggieva dal mondo di fuori se bevevi o cantavi ridevi o piangevi pregavi o insultavi il naviglio scorreva un pò giallo e un pò nero senza darsi pensiero La mia cà de ringhera con un dio milanese e dei Cristi barboni concepiti per caso messi al mondo per sbaglio da Marie di bastioni In ciabatte di ferro grembiule di calce biancheria di mattoni Si vestiva da sera per ricever lamico che era stato in galera La mi cà de ringhera era lalba e la sera per più di una vita consumata in silenzio fra odore di nebbia e di verza bollita Ha sorris

Su di lei una mattina una ruspa impaziente si è sfogata con rabbia riducendola in breve in frantumi di sogno in ricordi di sabbia ammucchiate da parte contorte e spezzate le vecchie ringhiere Solamente il naviglio le ha offerto il suo pianto di lacrime nere.La mia cà de ringhera ti accoglieva ogni ora coi suoi mille rumori.
Ti tendeva le braccia e ti proteggieva dal mondo di fuori
se bevevi o cantavi ridevi o piangevi
pregavi o insultavi
il naviglio scorreva un pò giallo e un pò nero senza darsi pensiero
La mia cà de ringhera con un dio milanese e dei Cristi barboni
concepiti per caso messi al mondo per sbaglio da Marie di bastioni
In ciabatte di ferro grembiule di calce biancheria di mattoni
Si vestiva da sera per ricever l'amico che era stato in galera
La mi cà de ringhera era l'alba e la sera per più di una vita
consumata in silenzio fra odore di nebbia e di verza bollita
Ha sorris

Facebook Pinterest Flickr Instagram share Follow